Press Office


 

Carlo Ghirardato – Canzoni Tra Guerra E Pace

“Un disco bello e necessario” (Rockerilla)

Canzoni tra guerra e pace è la personale battaglia di Carlo Ghirardato per portare la bellezza della musica al cuore del potere(XTM)


 

Søren – Bedtime Rituals

“Facciamo un gioco: quante band italiane, al giorno d’oggi, sono in grado di suonare non soltanto così bene ma così internazionali, anche e soprattutto dal punto di vista produttivo e di immaginario, come i Søren di Pain of Love?” (Rockit)

“I Søren tornano con un lavoro ispirato e educatissimo in termini di suoni e ricerca” (MusicMap)

“È un disco sorprendente, ispirato, follemente romantico, incredibilmente concettuale, un disco che consiglio a chi, come me, non può fare a meno delle emozioni.” ( Rockshock )

Con Bedtime Rituals, i Søren mostrano nuovamente tutto il proprio bagaglio classico, acustico e folk, confermando la propria identità, ma impreziosendole con le nuove “scoperte” elettroniche e/o elettro-rock, dando alla luce un progetto ottimo” (Fotografie Rock)

“Mantra mostra il sentiero gothic di un tracciato minimale, in cui le sensazioni “cured” si intrecciano ad eccessi electro, sincopi e sensazione di inizi anni ‘90.”  (Music on TNT)

Mantra mette in evidenza come l’amore può diventare insostenibile a causa di paure, tormenti e difficoltà comunicative. Il linguaggio viene eroso e svuotato da se stesso, dalla stessa ripetizione dei suoi timori. Come fosse in un loop a spirale discendente e (auto)distruttiva.” ( Impatto Sonoro )

Significativo nuovo lavoro per la band romana (progetto di Matteo Gagliardi), aiutata da una lunga e prestigiosa lista di ospiti. Elettronica dalle tinte new wave anni 80 che talvolta sfocia nelle sonorità care ai Matia Bazar di “Berlino,Parigi, Londra” ma guarda anche all’attualità e in prospettiva. Interessante.” ( RadioCoop )

Un lavoro breve e compatto che mette nella giusta luce le molte qualità della scrittura e le abilità pratiche di un progetto con ampie possibilità, da mettere a fuoco in maniera definitiva – sia a livello di scelte vocali che di efficacia della produzione – per puntare a quei più alti traguardi che appaiono alla portata di Søren.” ( DarkRoom Magazine)

In realtà è scendendo nei particolari che riusciamo a cogliere meglio la propensione all’eclettismo della band. Va allora precisato che al rock tout court e alla new wave i Søren aggiungono suggestioni gotiche, elettronica, scampoli di pop di alto profilo, folk e canzone d’autore.” ( SOund36 )

I Søren targati 2020 ci introducono in un universo accessibilissimo che crea una connessione empatica diretta con l’ascoltatore, rapito ed inebriato da tanta grazia sonora” ( SOund36 )

“Gli anthem ariosi di “Unreal City” e “Hurry Up” retrocedono al momento in cui il rock gotico s’involgarisce in rock d’arena.”  ( OndaRock )

“Sommersi quotidianamente da una coltre di schifezze sonore (ma non tutte le radio trasmettono porcherie), al cospetto di un disco come Bedtime rituals anche il più disilluso di noi ritroverà la fiducia” ( Versacrum )


 

Søren – Stargazing

“Elegante, intimo, riflessivo.” (Distorsioni)

“Nel mix di cupo romanticismo e perdizione onirica a salvarsi è l’integralismo acustico di una formula che delega agli archi i goticismi del caso”  (Rumore)

“Stargazing è un disco vibrante, pieno e vivo, che racconta storie in un modo affascinante” (Iyezine)

“Ogni nota pronunciata diventa pura magia e forte intimità con l’ascoltatore” ( Cornermusiczine )

“La musica di Søren non è da descrivere: va amata, va ascoltata ed assimilata, va penetrata in ogni sua singola nota.” ( Wezla )

“I romani Søren promuovono una lenta ed onirica sinfonia composta da arpeggi acustici, soffici divagazioni elettroniche ed un flusso di voci e rimandi da potente carica evocativa.” ( Heart of Glass )

“Filmicamente siamo in territori minimalistici alla Wenders che esplodono in colpi di scena stranianti alla Michel Gondry.” ( Vivalowcost )

“Un disco interessante, quello dei Søren, band aperta e di composizione fluida, ma con una personalità già molto ben definita e uno stile notevole.” (Traks)

“Un ascolto vibrante dall’inizio alla fine” (Metalwave)

“Difficile non rimanere incantati da questo album” (Coffee Drips)

“Un disco per sognatori” (Systemfailure)